Beatrice non ha paura della sua malattia, ma gli altri sì

Beatrice ha l’epilessia. Non ha amici e non riesce a instaurare relazioni con i suoi coetanei sia per le difficoltà del linguaggio sia per via della sua lentezza, esacerbata dall’assunzione di farmaci molto pesanti, che la fa soccombere nel gioco.

Per questo, evita i gruppi e spesso rimane da sola in disparte. Cerca le sue alternative nel gioco solitario e ha imparato a giocare con le bambole nella sua cameretta: sono quelli i momenti in cui la si può sentire parlare di più.

La mamma ha invitato più volte i bambini a casa per farli giocare con lei, ma nessun genitore ha mai accettato l’invito.

LEGGI ALTRE STORIE

Fai la differenza.
Sostieni Trenta Ore per la Vita

Seleziona il metodo di pagamento
Come vuoi donare?
Scegli la tua modalità di pagamento preferita
Informazioni personali

Vuoi aggiungere i dati necessari per una ricevuta valida?
Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale della donazione: €9,00 Una Tantum