I genitori di Luca

Ci sono famiglie costrette ad inventarsi una casa dove non c’è per assistere i loro bambini malati di tumore. Come nel caso dei genitori di Luca, che hanno dormito per settimane in macchina, parcheggiati davanti al reparto di oncologia pediatrica del Policlinico A. Gemelli di Roma.

Il Progetto Home di Trenta Ore per la Vita nasce proprio per limitare i disagi che subiscono le persone costrette alla migrazione sanitaria per curare i propri figli, già pesantemente provate dalla notizia della malattia.

LEGGI ALTRE STORIE

La forza di Francesca

È possibile la leggerezza quando tuo figlio si ammala di cancro e, nonostante due anni di chemioterapie, radioterapie e tre autotrapianti, muore? Ebbene, assurdamente e follemente, mi sento di rispondere “SÌ” con tutto il fiato che ho in gola.

Leggi »

Fai la differenza.
Sostieni Trenta Ore per la Vita

Seleziona il metodo di pagamento
Come vuoi donare?
Scegli la tua modalità di pagamento preferita
Informazioni personali

Vuoi aggiungere i dati necessari per una ricevuta valida?
Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale della donazione: €9,00 Una Tantum