La Casa di Fausta, il germoglio è stato piantato

casa di Fausta prima pietra«Da una settimana è iniziata la primavera e oggi posiamo una pietra che simbolicamente potremmo considerare come un fiore, che non appassirà con il prossimo cambio di stagione». Le parole di Rita Salci, presidente dell’Associazione Trenta Ore per la Vita Onlus, riassumono la bella giornata di sabato 28 marzo. In questo giorno, infatti, è stata posata la prima pietra della “Casa di Fausta”, voluta dall’ASEOP di Modena e sostenuta da Trenta Ore per la Vita sia nell’edizione 2014 che nella prossima edizione.

Lorella Cuccarini, nostro socio fondatore e testimonial, è stata la madrina della giornata e ha espresso la speranza di riuscire a inaugurare la struttura entro il prossimo Natale, come ha annunciato anche il presidente dell’ASEOP, Erio Bagni.

Casa di FaustaLa “Casa di Fausta” servirà per ospitare le famiglie dei piccoli malati oncoematologici ricoverati al Policlinico di Modena, ed è uno dei progetti che Trenta Ore per la Vita si è impegnata a sostenere nel 2015.Casa di Fausta

Continuate a seguirci per essere aggiornati sullo stato di avanzamento dei lavori, per vedere “sbocciare” questo piccolo germoglio di speranza che è stato appena piantato.

Articoli Correlati

Con la famiglia vicino, la malattia sembra un po' più lontana

Dona ora e costruiamo insieme la loro casa lontano da casa.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Vuoi aggiungere i dati necessari per una ricevuta valida?
Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale donazione: €30 Una Tantum