Disturbi alimentari nei giovani, uscirne si può
24/06/2015 - Disagio Minorile

Bastano quattro semplici domande da porre ai giovani per capire se hanno problemi di disturbi alimentari. Lo ha spiegato Giampaolo De Luca, Vicepresidente della Società Italiana di Medicina dell’Adolescenza, in occasione del congresso nazionale della Società italiana di Pediatria tenutosi a Roma nei giorni scorsi.

Il compito del pediatra, secondo l’esperto, è quello di intercettare i disturbi alimentari con questi quesiti:

1. Ritieni che dovresti metterti a dieta?
2. Quante diete hai fatto nell’ultimo anno?
3. Ti senti insoddisfatto del peso del tuo corpo?
4. Il peso influenza l’idea che hai di te stesso?

Inoltre, è proprio attraverso l’ascolto e l’osservazione dei comportamenti alimentari che gli stessi genitori possono scorgere i primi campanelli d’allarme. Ad esempio: sminuzzare il cibo, la lentezza del pasto, l’esclusione di alcuni alimenti, insieme ad atteggiamenti più generali di disagio, possono rappresentare dei segnali seri da non sottovalutare.

Indubbiamente, i dati sul fenomeno non sono rasserenanti. Il 40 per cento dei disturbi del comportamento alimentare – che solo in Italia interessano 2 milioni di giovani – si manifesta, di solito, tra i 15 e i 19 anni, ma attualmente si assiste, anche, ad un notevole abbassamento dell’età. Lo rivela uno studio del Ministero della Salute su 1.380 preadolescenti e adolescenti.

A patologie come la bulimia e l’anoressia si aggiungono poi casi di disordini alimentari più difficili da capire, come la disfagia, cioè la difficoltà a deglutire o l’alimentazione selettiva, un disturbo emotivo che consiste nel limitare l’alimentazione ad una gamma ristretta di cibi.

Affrontare i problemi dei disturbi alimentari nei giovani è difficile e richiede tanta pazienza ed impegno da parte dei genitori, ma uscire dal disagio, rincuorano gli esperti, è possibile. Basta individuare subito il problema ed intervenire con l’aiuto di medici professionisti e con il sostegno, l’ascolto e l’affetto delle persone care.

17-05-2017
Con l'aiuto del Centro Diurno Teen Lab, Mirko ce l'ha fatta.
Il suo sguardo che prima fissava costantemente il pavimento, ora punta verso l’alto. Scopri come si è riaccesa in lui la speranza.
26-06-2015
Il Centro Diurno Teen Lab si racconta
Gestire le sofferenze dei giovani, sperimentando nuove attività. Questa è la grande sfida di cui si è fatta carico l’Associazione CAF onlus.
10-06-2015
Cyberbulli, un glossario in soccorso dei genitori
Con l'ABC del cybercrime prevenire e combattere il bullismo, oggi, si può.
28-05-2015
Cyberbullismo, dal Parlamento arriva un ddl
Due ragazzi su tre hanno avuto esperienza diretta o indiretta di aggressioni perpetrate attraverso internet. Ora una norma vuole dare una stretta al fenomeno.
21-05-2015
Maltrattamento dei bambini: oltre 91mila i minorenni colpiti
La fotografia scattata da Terre des Hommes e Cismai mette in luce i lati oscuri del fenomeno in Italia.
02-02-2015
In Teen Lab, uno spazio per crescere sereni
Grazie a Teen Lab, l'associazione CAF aiuta gli adolescenti che vivono una condizione di disagio personale e famigliare a crescere sereni.
16-01-2015
Sweetie, una bimba virtuale contro la pedofilia in rete
Gli sconcertanti dati riguardanti la pedofilia in rete portano a una riflessione sull'urgenza di interventi adeguati.

 

ASSOCIAZIONE TRENTA ORE PER LA VITA ONLUS

Via Ruggero D'Altavilla, 11 - 00176 Roma - associazione@trentaore.org

Tel 06 39.72.55.71 - Fax 06 39.72.04.52 - C.F. 96335540587