Cyberbullismo, dal Parlamento arriva un ddl
28/05/2015 - Disagio Minorile

Formazione continua nelle scuole, un tavolo interministeriale permanente per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno, un approccio non sanzionatorio che prevede l’introduzione della procedura di ammonimento. Questi i principali punti espressi nel ddl “disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo” approvato al Senato con l’assenso di tutti i gruppi parlamentari. Prima firmataria del ddl la Senatrice Elena Ferrara.

Il cyberbullismo, cos’è

Il cyberbullismo è una forma di disagio relazionale, di prevaricazione e di sopruso perpetrata tramite i nuovi mezzi di comunicazione come l’e-mail, gli sms, i blog, i telefoni cellulari ed il web in generale.

Si tratta di un fenomeno sempre più diffuso tra le nuove generazioni, a confermarlo i dati elaborati da skuola.net per la Polizia di Stato, secondo i quali circa 2 ragazzi su 3 hanno avuto esperienza diretta o indiretta di fenomeni di questo tipo.

Un dato preoccupante che finalmente trova risposta in una nuova norma che rafforza la possibilità per il genitore della vittima di cyberbullismo di richiedere al gestore del sito internet l’oscurazione o la rimozione dei dati che lo riguardano (se la rimozione non avviene entro 48 ore può rivolgersi al Garante per la privacy).

Il ddl, inoltre, definisce il concetto di cyberbullismo come “qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, qualunque forma di furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica”.

Il testo, che ora passerà al vaglio della Camera dei Deputati, è stato apprezzato anche dal Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Vincenzo Spadafora che commenta “questo fenomeno va contrastato sia con l’intervento immediato a tutela dei minorenni, sia con un serio e strutturato processo educativo e di consapevolezza dei nostri ragazzi e di chi accompagna la loro crescita”.

17-05-2017
Con l'aiuto del Centro Diurno Teen Lab, Mirko ce l'ha fatta.
Il suo sguardo che prima fissava costantemente il pavimento, ora punta verso l’alto. Scopri come si è riaccesa in lui la speranza.
26-06-2015
Il Centro Diurno Teen Lab si racconta
Gestire le sofferenze dei giovani, sperimentando nuove attività. Questa è la grande sfida di cui si è fatta carico l’Associazione CAF onlus.
24-06-2015
Disturbi alimentari nei giovani, uscirne si può
Quattro semplici domande per individuare il problema. Questo è il compito del pediatra secondo gli esperti.
10-06-2015
Cyberbulli, un glossario in soccorso dei genitori
Con l'ABC del cybercrime prevenire e combattere il bullismo, oggi, si può.
21-05-2015
Maltrattamento dei bambini: oltre 91mila i minorenni colpiti
La fotografia scattata da Terre des Hommes e Cismai mette in luce i lati oscuri del fenomeno in Italia.
02-02-2015
In Teen Lab, uno spazio per crescere sereni
Grazie a Teen Lab, l'associazione CAF aiuta gli adolescenti che vivono una condizione di disagio personale e famigliare a crescere sereni.
16-01-2015
Sweetie, una bimba virtuale contro la pedofilia in rete
Gli sconcertanti dati riguardanti la pedofilia in rete portano a una riflessione sull'urgenza di interventi adeguati.

 

ASSOCIAZIONE TRENTA ORE PER LA VITA ONLUS

Via Ruggero D'Altavilla, 11 - 00176 Roma - associazione@trentaore.org

Tel 06 39.72.55.71 - Fax 06 39.72.04.52 - C.F. 96335540587