“La Casa di Fausta” mette tutti d’accordo

testo Alt
Progetto Home
Quella di venerdì scorso (23 maggio) è stata una giornata davvero importante per l’ASEOP e Trenta Ore per la Vita.

Nella sala del Vecchio Consiglio del Palazzo Municipale di Modena, è stato siglato l’accordo tra Comune e Provincia di Modena, ASEOP (associazione beneficiaria del “Progetto Home“), il Policlinico e Acer per la realizzazione della “Casa di Fausta”.

Si tratta di costruire una palazzina in via Campi, a fianco dell’ingresso del Pronto soccorso del Policlinico, composta da 12-15 appartamenti destinati a dare ospitalità a bambini affetti da tumore e alle loro famiglie.

Presenti all’atto della firma il sindaco di Modena Giorgio Pighi, il presidente della Provincia Emilio Sabattini, il presidente dell’Aseop Erio Bagni, il direttore generale del Policlinico Licia Petropulacos e il presidente di Acer Andrea Casagrande.

Con l’accordo si definisce la cessione da parte della Provincia a favore di ASEOP del diritto di superficie dell’area di via Campi, trasferendone la nuda proprietà al Comune, che con una futura variante ne trasformerà la destinazione ad Attrezzature e spazi collettivi.

L’intervento dovrebbe iniziare già a inizio ottobre 2014 con l’obiettivo di arrivare a conclusione entro Natale 2015.

I costi di realizzazione della Casa di Fausta, che ammontano a circa 1 milione e mezzo di euro, così come la gestione, sono a carico di ASEOP, che lo sosterrà attraverso contributi, l’alienazione dei sei appartamenti di proprietà che attualmente utilizza con le stesse finalità e la collaborazione con l’Associazione “Trenta ore per la vita”, che con il “Progetto Home” sta raccogliendo fondi a sostegno di cinque associazioni di genitori in Italia, tra cui la stessa Aseop.

A beneficiare della struttura saranno le famiglie che risiedono lontano dall’ospedale, in città ma anche fuori Modena, quelle che presentano situazioni abitative inadeguate per il bambino sottoposto a terapie che ne riducono le difese immunitarie e quelle in situazione di difficoltà economica anche dovuta alle necessità di assistenza del piccolo. L’accesso alla struttura sarà infatti gratuito per le famiglie, con il solo contributo di chi se lo potrà permettere.

Ogni appartamento, completamente arredato, avrà una dimensione media di 40-45 metri quadrati e sarà composto di sala con angolo cottura, camera da letto e bagno. Al piano terra dell’edificio troveranno spazio un ufficio di accoglienza, una sala riunioni, una piccola palestra e una sala ludica, dove i bambini potranno giocare e stare insieme.

Articoli Correlati

Con la famiglia vicino, la malattia sembra un po' più lontana

Dona ora e costruiamo insieme la loro casa lontano da casa.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Vuoi aggiungere i dati necessari per una ricevuta valida?
Informazioni carta di credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.
Termini

Totale donazione: €30 Una Tantum