Il blog di
Progetto Home
Progetto Home

Da grande voglio fare il ballerino

Scritto da Progetto Home il 05/05/2016

Mi chiamo Marcello e ho 15 anni, l’anno scorso la mia vita è cambiata. Il 4 luglio dopo aver fatto la doccia mi accorsi di avere una pallina al collo, spaventato, andai subito a dirlo alla mia mamma. Il giorno dopo mi portò subito a fare l’ecografia e da quel momento capii che stava per cambiare la mia vita.

Marcello durante una dimostrazione di danza.

Marcello durante una dimostrazione di danza.

Avevo tanti progetti perché sono un ballerino e in quel momento i miei sogni si distrussero tutti, anche se non sapevamo ancora nulla. La settimana dopo andai a fare il day hospital al Pausilipon di Napoli. Appena arrivammo ebbi un malore, mi sentivo come se il subconscio già sapesse. Il dottore mi guardò e mi fece fare una flebo per rianimarmi, subito dopo mi visitò e disse che già aveva capito tutto.

Mamma lo guardò e voleva capire anche lei, il dottore andò via ma subito dopo tornò con il chirurgo, il quale mi disse che non mi dovevo preoccupare e che il mercoledì avremmo fatto l’operazione per togliere questa pallina.

Arrivò il mercoledì, andammo al terzo piano, ma appena arrivato vidi che la situazione non era affatto convincente, vedevo tutti ragazzi e i bambini senza capelli con le loro sacche che camminavano nei corridoi.

Iniziai ad avere paura, così chiesi alla mamma perché erano tutti senza capelli, vidi mia mamma sbiancare e faceva fatica a rispondermi. Con un filo di voce mi disse che stavano facendo una cura molto forte, io capii e le dissi se quella cura molto forte fosse la chemioterapia e lei annuì. Dopo l’operazione tornammo a casa, ma già avevo capito quello che dovevo affrontare, ma non nei minimi particolari.

Il 24 luglio andammo a ritirare l’esame istologico, usciti dall’ospedale chiesi a mia madre il risultato dell’esame perché volevo andare a mare e giocare a pallone. Vidi mia mamma fare un gran respiro e mi disse che per quel momento non potevo fare le cose che avevo chiesto perché da due giorni a quella parte dovevo iniziare un ciclo di chemioterapia. In quel momento il mondo mi crollò addosso però volli sapere di preciso cosa avevo, la risposta fu il Linfoma di Hodgkin (tumore).

Ci stringemmo forte tutti in un pianto disperato.
Il mio papà e mio fratello mi dissero che non mi dovevo preoccupare, che io ero un guerriero e che ero molto forte.

Da quel momento sono maturato moltissimo e sono effettivamente diventato molto forte. Il 29 luglio ho iniziato la prima chemioterapia con tante medicine a seguito. Con il passare dei giorni e settimane il mio corpo si indeboliva sempre di più, ma il mio pensiero fisso era quello di ritornare a ballare.

L’ultima chemioterapia l’ho fatta il 23 dicembre e dopo mi toccò un ciclo di radioterapia di 8 giorni. Nel reparto di radioterapia sono stato accolto con tanto amore da tutti: la psicologa, gli infermieri e il dottor Scimone, il quale era sempre molto paziente e scrupoloso.

Quando iniziai a sentirmi meglio, nella mia mente ritornai a pensare alla danza e a fare i progetti di una volta. I sorrisi più belli li ho visti nelle vite delle persone più difficili. Sono quelli di chi sa trasformare il dolore in forza.Trenta Ore 2016
Basta poco per aiutarci. Per donare con carta di credito chiama il numero verde 800.33.22.11 oppure online sul nostro sito.

 
ARTICOLI CORRELATI
03-07-2018
A Pavia nuovi spazi e una nuova scuola per 8.500 bambini malati di tumore in cura al San Matteo
Mi chiamo Marcello e ho 15 anni, l’anno scorso la mia vita è cambiata. Il 4 luglio dopo aver fatto…
15-02-2017
Un servizio di sostegno psico-oncologico nella casa di Peter Pan
Mi chiamo Marcello e ho 15 anni, l’anno scorso la mia vita è cambiata. Il 4 luglio dopo aver fatto…
30-09-2016
Federica, una piccola guerriera
Mi chiamo Marcello e ho 15 anni, l’anno scorso la mia vita è cambiata. Il 4 luglio dopo aver fatto…
07-06-2016
La meraviglia della normalità
Mi chiamo Marcello e ho 15 anni, l’anno scorso la mia vita è cambiata. Il 4 luglio dopo aver fatto…
26-05-2016
Il sogno di Anna Maria Alfani
Mi chiamo Marcello e ho 15 anni, l’anno scorso la mia vita è cambiata. Il 4 luglio dopo aver fatto…

ASSOCIAZIONE TRENTA ORE PER LA VITA ONLUS

Via Ruggero D'Altavilla, 11 - 00176 Roma - associazione@trentaore.org

Tel 06 39.72.55.71 - Fax 06 39.72.04.52 - C.F. 96335540587