Trattoria degli Amici, il piacere di stare a tavola
27/03/2015 - Assistenza

Trattoria degli Amici 3È un’atmosfera accogliente e amichevole, quella che si avverte all’interno della “Trattoria degli Amici”, quasi come se si fosse in famiglia. Posizionato nel cuore di Trastevere, a Roma, questo ristorante è decisamente particolare: al suo interno lavorano ragazzi con diverse disabilità, ma con la stessa voglia di lavorare e imparare una professione.

“Il nostro progetto – spiega Giuseppe Di Pompeo, presidente della cooperativa “Pulcinella Lavoro” che gestisce il ristorante – nasce con uno scopo semplice: far lavorare delle persone, in particolare persone disabili”. Dopo vari tentativi per favorire l’inserimento lavorativo, nasce quindi l’idea di mettersi in proprio; idea che riesce grazie al sostegno della Comunità di Sant’Egidio.

“I nostri ragazzi qui sono felici – continua Di Pompeo – perché il lavoro cambia la vita, per tutti. In particolare poi questo è un lavoro in cui si impara continuamente e si è a contatto con Trattoria degli Amici 1tante persone, quindi a loro piace parecchio”. Anche parlando con i dipendenti si ha l’impressione che siano decisamente soddisfatti del proprio lavoro: come Gianluca, cameriere, che abitando nelle vicinanze del ristorante ha sempre voluto lavorare lì; o Diego che è talmente contento di andare a lavorare da dimenticarsi spesso del suo giorno di riposo.

Ma il lavoro non finisce all’interno della Trattoria degli Amici: la cooperativa infatti è impegnata anche in corsi di formazione, dove i partecipanti vengono preparati a lavorare in altri ristoranti. “A maggio si concluderà un corso di circa quaranta partecipanti – racconta Di Pompeo – e abbiamo già trovato alcuni possibili inserimenti lavorativi. Noi pensiamo che il lavoro sia una cosa seria e ci impegniamo affinché possa essere così per tutti”.

30-11-2016
Andare “oltre la cura” per combattere il tumore infantile
La gioia di vivere di un bambino non viene mai meno, neanche quando è ammalato di cancro, e questo ci insegna molto tutti i giorni.
29-09-2016
Oltre la cura c’è lo sport
Il dottor Mocilo Jankovic ci spiega l'importanza della palestra di riabilitazione motoria per i giovani malati di tumore.
30-06-2016
Curare con il cibo
Ripercorrendo la storia di una piccola paziente, un volontario racconta cosa fare per andare oltre le terapie e far sentire i bambini come a casa.
16-06-2016
Oltre la cura
Nasce il nuovo blog "Oltre la cura". Genitori, volontari, medici e psicologi ci raccontano come assistere un paziente oltre le terapie. Francesca Testoni, genitore e responsabile Ageop si racconta.
11-05-2015
Nessuna rinuncia per i malati di tumore
Tra le tante conseguenze che un tumore porta con sé, c’è un aspetto da non sottovalutare: la chemioterapia ha delle gravi conseguenze sull'aspetto fisico.
13-03-2015
L’importanza di poter dire “Anche io lavoro”
Anche le persone affette dalla sindrome di Down possono e devono lavorare: da queste basi nasce il progetto "Anche io lavoro" dell'AIPD.

 

ASSOCIAZIONE TRENTA ORE PER LA VITA ONLUS

Via Della Giuliana, 80 - 00195 Roma - associazione@trentaore.org

Tel 06 39.72.55.71 - Fax 06 39.72.04.52 - C.F. 96335540587