Non più bambini ma strumenti di morte
17/02/2015 - Emergenze

Sono i bambini a combattere le guerre del mondo contemporaneo? I conflitti attuali sono talmente brutali da aver cancellato dalla coscienza il valore dell’infanzia e dell’inviolabilità dei più indifesi, i bambini?

A guardare dati e cifre recenti, la risposta a queste domande sembra essere drammaticamente affermativa. Si stima, infatti, che siano 250.000 i bambini coinvolti attivamente nei conflitti, usati per combattere, per uccidere ma anche per spiare i nemici, per trasportare materiali, per fare da scudi umani. Il 40% sono bambine, ridotte a schiave sessuali, ma anche utilizzate come inconsapevoli strumenti di morte, come dimostrano i tragici casi delle bambine suicide in Nigeria.

La scelta di Amadi

L’attualità ci racconta di migliaia di bambini violati, rapiti, costretti ad uccidere, abusati, a cui viene rubata l’infanzia, l’identità, il futuro. È per denunciare tutto questo e dar voce a questi bambini, che INTERSOS ha lanciato “La scelta di Amadi”, un toccante cortometraggio sulla tragica e brutale realtà che ogni giorno è costretto a vivere un bambino soldato. Amadi infatti è il nome del protagonista del corto, rappresenta un bambino soldato come tanti, che attraverso la sua storia, racconta la realtà di milioni di coetanei che nel mondo vengono privati dalla guerra dell’infanzia. Le immagini, dure e realistiche, vogliono scuotere nel profondo lo spettatore, aprire un varco nelle coscienze su una tragica realtà che non può essere ignorata.

Dati allarmanti

Negli ultimi anni, l‘intensificarsi e l’inasprirsi dei conflitti nel mondo hanno esposto i bambini ad una incredibile violenza: vittime di abusi, rapimenti, torture, mutilazioni, vengono assoldati e indottrinati per diventare feroci assassini, a cui non viene lasciata più scelta. E la diffusione del fenomeno è allarmante. Migliaia di casi continuano ad essere riportati in Afghanistan, Somalia, Repubblica Democratica del Congo, Sudan, Yemen, a cui si aggiunge l’utilizzo dei bambini soldato nei conflitti in Mali, Repubblica Centrafricana, Sud Sudan, Siria, Iraq.

In Repubblica Centrafricana sono oltre 10.000 i bambini costretti ad imbracciare le armi, piuttosto che andare a scuola; con lo scoppio del conflitto il numero dei bambini soldato nel paese si è quadruplicato rispetto al 2012. In Sud Sudan, gli scontri che insanguinano il paese da oltre un anno, hanno impedito a 400.000 bambini di accedere all’istruzione e hanno coinvolto oltre 12.000 bambini soldato.

Trenta Ore la Vita si è occupata nell’edizione 2006 dell’infanzia negata attraverso decine di progetti con il VIS.

19-11-2015
Strage di Parigi: cosa racconto ai bambini
Cinque suggerimenti per parlare con i bambini della strage di Parigi.
08-07-2015
Haiti non è sola
La storia di Barbara in prima linea per l'emergenza sanitaria.
05-06-2015
La forza delle madri di Haiti
"In un Paese dove è difficile mangiare, bere, lavarsi e studiare, il parto non è altro che l’ennesima sfida". Silvia, 24 anni, ostetrica di Udine, racconta il lavoro in Haiti.
29-05-2015
Partire per Haiti e trovare se stessi
Giulia, un’ostetrica che da tempo segue il lavoro del reparto di maternità dell’Ospedale NPH Saint Damien in Haiti, racconta la sua esperienza.
19-05-2015
La voglia di vivere è più forte dell’emergenza
Cecilia e Martina, due giovani ostetriche della Brianza ci raccontano da Haiti l'energia e la forza delle donne haitiane.
24-02-2015
Haiti e l’emergenza senza fine
L'emergenza non è mai finita per Haiti, a cinque anni di distanza dal terremoto del 2010. Particolarmente grave è la situazione delle strutture ospedaliere.
16-01-2014
Il Poliambulatorio di Concordia torna nella sua sede
Si conclude giovedì prossimo l’attività del modulo prefabbricato consegnato ai cittadini di Concordia alla fine del 2012 da Lorella Cuccarini.
27-12-2012
Concordia, inaugurato il poliambulatorio
Tantissimi cittadini del comune di Concordia sulla Secchia hanno partecipato alla cerimonia alla quale ha preso parte anche Lorella Cuccarini.

 

ASSOCIAZIONE TRENTA ORE PER LA VITA ONLUS

Via Della Giuliana, 80 - 00195 Roma - associazione@trentaore.org

Tel 06 39.72.55.71 - Fax 06 39.72.04.52 - C.F. 96335540587