Il blog di
Progetto Home
Progetto Home

Il cambiamento che nasce da uno sguardo

Scritto da Progetto Home il 01/04/2015

Non esiste e non esisterà mai una “ricetta” o un modo indolore per accettare la notizia che tuo figlio abbia il cancro, perché si fa difficoltà ad accettare quello che spaventa e il nostro cervello, in modo automatico, reagisce chiudendosi di fronte a notizie troppo devastanti.

Per questo i primi giorni in reparto per i genitori sono devastanti: quasi non si riesce a guardare negli occhi i bambini già in cura, senza capelli e sopracciglia, con segni sul loro corpo che non vorresti vedere, che ti spaventano. Poi piano piano va meglio, quando scopri che puoi intuire il loro sorriso anche dietro una mascherina e impari a “leggere” i loro occhi. Attraverso questa esperienza riscopri il giusto significato dei gesti, perché può capitare di non sentire la voce del tuo bambino anche per giorni interi e di riuscire a comunicare solo attraverso carta e penna.

Tutte queste cose ti cambiano in maniera profonda e irreversibile: oggi, quando guardo un bambino segnato dalla malattia e dalle cure debilitanti, io non ho più paura. Con ogni sguardo vorrei trasmettergli che ce la può fare, che oggi si può guarire. Io ci credo, e vorrei ci credesse anche lui!

Grazie al successo della serie “Braccialetti Rossi”, per tante persone è stato un po’ più facile “familiarizzare” con il cancro, abituandosi al dolore in maniera delicata e non traumatica. Al giorno d’oggi parlare di tumore non è più un tabù come un tempo e anche i ragazzi che sono guariti riescono a confrontarsi con i propri coetanei senza timore di ricevere pietà da parte loro.

Oggi tante persone riescono a guardare un malato di cancro negli occhi senza avere paura, e questa è una grande evoluzione culturale per la società intera.

Testo a cura di Pasquale Buonocore, volontario dell’Associazione Carmine gallo Onlus che ha partecipato all’edizione 2015 di Trenta Ore per la Vita.

 

Lascia un Commento

ARTICOLI CORRELATI
03-07-2018
A Pavia nuovi spazi e una nuova scuola per 8.500 bambini malati di tumore in cura al San Matteo
Non esiste e non esisterà mai una “ricetta” o un modo indolore per accettare la notizia che tuo figlio abbia…
15-02-2017
Un servizio di sostegno psico-oncologico nella casa di Peter Pan
Non esiste e non esisterà mai una “ricetta” o un modo indolore per accettare la notizia che tuo figlio abbia…
30-09-2016
Federica, una piccola guerriera
Non esiste e non esisterà mai una “ricetta” o un modo indolore per accettare la notizia che tuo figlio abbia…
07-06-2016
La meraviglia della normalità
Non esiste e non esisterà mai una “ricetta” o un modo indolore per accettare la notizia che tuo figlio abbia…
26-05-2016
Il sogno di Anna Maria Alfani
Non esiste e non esisterà mai una “ricetta” o un modo indolore per accettare la notizia che tuo figlio abbia…

ASSOCIAZIONE TRENTA ORE PER LA VITA ONLUS

Via Della Giuliana, 80 - 00195 Roma - associazione@trentaore.org

Tel 06 39.72.55.71 - Fax 06 39.72.04.52 - C.F. 96335540587