Il blog di
Alberto Ferrando
Alberto Ferrando

Bambini al mare in sicurezza. I consigli del pediatra per un’estate sicura

Scritto da Alberto Ferrando il 14/05/2015

Tra poco si inizierà, speriamo, ad andare al mare e il rischio di annegamento purtroppo esiste. E’ tra le prime cause di mortalità in età pediatrica anche prima del soffocamento da corpo estraneo e subito dopo gli incidenti automobilistici.

Secondo le rilevazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, sull’annegamento in età pediatrica (dati su scala mondiale ed europea) emerge che questo è tra le prime cause di mortalità accidentali. A livello mondiale i bambini sotto ai 5 anni sono a maggior rischio di annegamento. Inoltre, nei paesi industrializzati la maggior parte degli annegamenti che coinvolgono i bambini avviene in piscina.

mare in sicurezza

Consiglio numero 1: mai da solo in acqua, un “piccolo” malessere può avere conseguenze devastanti. Quando si nuota è sempre meglio farlo in gruppo.

Mare in sicurezza

Ecco alcuni consigli per la sicurezza in acqua dei vostri bambini.

Valuta le capacità natatorie. Il fatto che il bambino sappia stare a galla non è sufficiente. Una persona capace di galleggiare ma che non è in grado di effettuare tecniche di respirazione sott’acqua è un potenziale annegato.

Mai da solo in acqua. Un “piccolo” malessere può avere conseguenze devastanti. Quando si nuota è sempre meglio farlo in gruppo.

Fare attenzione al freddo e allo sbalzo termico. Uno sbalzo termico troppo repentino tra la temperatura esterna e quella dell’acqua potrebbe provocare uno shock termico.

Evitare di entrare in acqua quando se non si è in buone condizioni psico-fisiche.

Non entrare in acqua se le condizioni meteorologiche sono difficili o il mare particolarmente agitato.

Fare molta attenzione ai tuffi. Prima di tuffarsi dagli scogli, controllare sempre la profondità dell’acqua.

Fare attenzione alle apnee ed evitare l’iperventilazione. Durante l’apnea è assolutamente vietata l’iperventilazione (atti respiratori rapidi e veloci) dal momento che tale pratica potrebbe provocare la sincope.

Secondo alcuni dati sul nuoto il pericolo di annegare è presente sia nei più piccoli che nei più grandi.

Quasi il 40% degli Italiani non sa nuotare.
Solo il 32 % sa nuotare effettuando la corretta respirazione.
Solo il 41 % riesce a mantenersi a galla con facilità in acqua profonda.
Solo il 35% riesce a mantenere gli occhi aperti sott’acqua al mare o in piscina.
Il 93 % ritiene importante sensibilizzare i genitori e fornire loro strumenti educativi utili.

Di conseguenza il consiglio è di imparate a nuotare e insegnare ai vostri figli a nuotare. L’acquaticità si acquista fin dai primi periodi di vita, ma si impara a nuotare solo dopo i 4 anni. Inoltre, è sempre bene informarsi e conoscere le manovre salva vita per intervenire in caso di necessità.

corso online manovre disostruzione

 

Lascia un Commento

ARTICOLI CORRELATI
19-11-2015
Strage di Parigi: cosa racconto ai bambini
Tra poco si inizierà, speriamo, ad andare al mare e il rischio di annegamento purtroppo esiste. E’ tra le prime…
14-07-2015
Sicurezza dei bambini in auto, le 10 cose da non fare
Tra poco si inizierà, speriamo, ad andare al mare e il rischio di annegamento purtroppo esiste. E’ tra le prime…
30-06-2015
Le 10 regole per viaggiare sicuri con i bambini
Tra poco si inizierà, speriamo, ad andare al mare e il rischio di annegamento purtroppo esiste. E’ tra le prime…
11-03-2015
Trauma cranico bambini: quando chiamare i soccorsi
Tra poco si inizierà, speriamo, ad andare al mare e il rischio di annegamento purtroppo esiste. E’ tra le prime…
13-02-2015
Pile, un pericolo se ingerite dai bambini
Tra poco si inizierà, speriamo, ad andare al mare e il rischio di annegamento purtroppo esiste. E’ tra le prime…

ASSOCIAZIONE TRENTA ORE PER LA VITA ONLUS

Via Della Giuliana, 80 - 00195 Roma - [email protected]

Tel 06 39.72.55.71 - Fax 06 39.72.04.52 - C.F. 96335540587